Un vero problema aziendale: "Reply to all with history // Rispondi a tutti con cronologia"
Oggi cercherò di convincerti ad abbandonare due comportamenti  che si rivelano almeno negativi per l'immagine della tua azienda e, talvolta, pure pericolosi.


L'effetto combinato della scelta di rispondere "a tutti" e del reinvio dell'intero messaggio ricevuto può portare con se diversi rischi e problemi:

1) i destinatari, nella storia del messaggio, cambiano con i vari invii e spesso aumentano all'insaputa ( in quanto non li rilegge) del mittente ATTUALE, il quale magari estende ancora a sua volta la popolazione coinvolta incautamente
2) i contenuti di tutti gli scambi, magari avvenuti tra "Interni" possono non essere idonei alla lettura da parte degli ultimi aggiunti specialmente se esterni all'azienda
3) in ogni caso si distribuisce del contenuto che NON è necessario allo scopo della comunicazione

Rimedi proposti.

Il comportamento corretto consiste nell' inviare, sempre e solo, lo stretto necessario al minimo indispensabile dei destinatari. Vediamo meglio!

In generale qui trovi molto materiale, ma per il nostro scopo, specifico, i consigli sono due, semplici, norme riassumibili nel concettto di minimo indispensabile.

1) rispondendo, riproporre solo il testo dell'ultima mail ricevuta. meglio se riducendolo al solo testo a cui rispondo specificamente
2) scegliendo i destinatari, includere soltanto quelli a cui interessa, necessariamente, il messaggio che sto componendo

In tal modo chi scrive è autore, consapevole, di un messaggio i cui contenuti conosce e dei quali è responsabile. evitando di propagare anche eventuali "testi" altrui immessi nella cronologia del messaggio.














possono essersi inseriti dati informazioni o considerazioni, scritte da qualcuno che ha partecipato alla produzione dello stesso, la cui diffusione agli attuali destinatari è imprudente

19/2/2015
Vittorio Orefice

Tags :  e-mail 

|
Commenti : (0)

nessun Commento trovato
Autore
Vittorio Orefice

Vittorio Orefice